Dr. Salvatore Taglialatela
Show MenuHide Menu

DOMANDE FREQUENTI

Le protesi danno fastidio al movimento delle braccia?

No. Una volta voltosi il normale processo di guarigione, le protesi vengono accettate dal corpo della paziente che si abitua rapidamente.

 

Dopo la mastoplastica additiva si può dormire a pancia sotto?

Sì. Quando la guarigione è completa, la protesi non dà nessun fastidio ed è possibile riprendere la normalità. Il nuovo seno va vissuto come proprio e non si deve temere di incorrere in rischi: le protesi di ultima generazione sono testate e assolutamente resistenti alle sollecitazioni e all’usura.

 

Si vedono le protesi al di sotto della cute?

Se le protesi sono state scelte in base alla morfologia della mammella della paziente, no. Se i tessuti della paziente dovessero essere troppo sottili, il rischio di visibilità delle protesi viene notevolmente ridimensionato preferendo l’intervento con posizionamento retromuscolare degli impianti.

 

Quanto dura il risultato della mastoplastica additiva?

La mastoplastica additiva aumenta il volume delle mammelle migliorandone la forma, la proiezione e la tonicità. La durata nel tempo di questi risultati è piuttosto lunga (il limite di 10 anni un mito piuttosto che una realtà) ma è subordinata anche ad alcuni fattori quali: l’invecchiamento dei tessuti ed il loro naturale rilassamento, gli sbalzi di peso, gravidanze, fumo e stili di vita e usura delle protesi. Negli ultimi anni comunque, le case produttrici sviluppano protesi sempre piç sicure e durature.

 

Se nel tempo il seno si rilassa, si può fare nuovamente la mastoplastica additiva?

Sì, si può procedere alla sostituzione dell’impianto mammario con uno di maggiori dimensioni. Qualora il rilassamento cutaneo dovesse essere di maggiore entità, occorre effettuare un intervento di mastopessi (lifting del seno).

 

Si può allattare dopo una mastoplastica additiva?

 

L’allattamento è reso possibile dalla continuità anatomica tra la ghiandola mammaria e i dotti galattofori. Gli accessi chirurgici per l’aumento mammario, non prevedendo l’interruzione di tale continuità, permettono l’allattamento anche dopo l’intervento di mastoplastica additiva. In cinque per cento dei casi, tuttavia, in letteratura scientifica è descritta una riduzione parziale della produzione di latte.

 

 

2 Comments
Maria
January 3, 2013 at 7:02 am

Ho un gran timore del dolore post intervento… Inoltre, so di costi elevatissimi… L’aumento del seno è possibile solo con l’intervento o ci sono anche altre formule? Ho sentito parlare della possibilità di iniezioni sotto seno. Grazie per il Vs interessamento.

    January 4, 2013 at 1:46 am

    Salve Maria,
    E’ possibile aumentare il seno solo con un intervento chirurgico. Il posizionamento di protesi mammarie di silicone costituisce oggi la metodica più affidabile, con risultadi immediati e stabili nel tempo. In casi selezionati si può ottenere un aumento del volume mammario con altre tecniche che prevededono l’infiltrazione di grasso prelevato dalla stessa paziente (LIPOFILLING; BRAVA SYSTEM).
    Il dolore postoperatorio è di lieve entità (quando presente) grazie alla terapia antidolorifica di tipo farmacologico che viene prescritta nel posoperatorio, ed il recupero è rapido (una settimana-dieci giorni). Non bisogna dimenticare però che il decorso postoperatorio può variare da paziente a paziente (non tutte le persone ad esempio hanno la stessa soglia del dolore), e che la mastoplastica additiva è un intervento chirurgico e come tale può avere delle complicanze.
    I costi variano in base a diversi fattori come ad esempio la scelta delle protesi.

    No esiti a contattarmi per qualsiasi chiarimento.

    Cordiali saluti,

    Dr. Taglialatela

Leave a Reply to Maria Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *